domenica 28 dicembre 2008

Sta arrivando una glaciazione?

Correre a -6°. O sei veloce o ci resti assiderato!


Comunque vada, si rischia di farsi davvero male!


..E la mia vespa non parte più!

venerdì 26 dicembre 2008

Ho fatto 3, anzi 30, anzi ho fatto 2500 (Bilancio Annuale)




Eccoci a consuntivo!
Che dire: non è stato propriamente un anno molto semplice. L'età è quella che è , e correndo da circa tre anni era normale aspettarsi qualche contraccolpo.
Anche mentre scrivo non son del tutto guarito dai mie problemi fisici..ma dire che non mi sono divertito in questo 2008 di corsa, non corrisponderebbe a verità.
Mi ricordo di ogni singolo passo, ma resteranno indelebili la mia maratona mancata (dopo tre mesi di seria preparazione) e la mia maratona corsa nonostante tutto!
E poi.. e poi..i tre infortuni più grandi (che ,torno a dire non mi hanno fermato), le trenta gare disputate ed i circa 2500 km percorsi.
Ed in mezzo? In mezzo il quotidiano, il lavoro, la crisi, le preoccupazioni, le speranze...come sempre.
Grazie a tutti quelli che son stati presenti. Ad Eleonora che di sentir parlare di corsa non ne può proprio più, ai miei colleghi podisti, a tutti voi colleghi blogtrotter, a chi mi sopporta nonostante..ed a chi mi tollera semplicemente perchè esisto!
Un proposito per l'anno nuovo???! Mille km in più..potete scommetterci!

Elenco Gare 2008

1-28 Gennaio Cross Della Pellerina mt.7100 31’04

2-03 Febbraio Cross di Scarmagno mt. 6280 26’08”

3-04 Marzo Maratonina di Settimo mt. 21097 1h 32’ 17”

4-06 Aprile Vivicittà mt.12000 52’04”

Frattura costola

5-04 Maggio 9 Miglia di Montanaro mt.14320 1h 08’ 25”

6-11 Maggio Bandissero (misto ) mt.10000 47’52”

7-14 Maggio Notturna di Caratino (misto) mt. 7100 30’11”

8-18 Maggio Quattro in uno (Granfondo Collinare) mt 17300 1h 22’ 38”

9-22 Maggio Notturna di Rivarolo 6760 mt. 27’06”

10-29 Maggio Notturna Leinì mt. 7200 29’01”

11-2 Giugno Feletto mt.9280 39’15”

12-06 Giugno Notturna di Bairo (misto) mt. 7600 32’09”

13-08 Giugno Straciriè mt.9030 37’06”

14-11 Giugno Notturna Favria mt.8170 34’ 10”

15-15 Giugno Staffetta (Fè –Cantoira:tratto in salita) mt3500 13’40”

16-22 Giugno Stracaselle mt.8640 36’29”

17-24 Giugno Notturna di Villanova mt.8290 34’09”

18-27 Giugno “Stratomino” Notturna a Mastri mt7530 32’21”

19-29 Giugno Gara a Torre C.se (misto collinare) mt, 7350 34’00”

20-02 Luglio Notturna ad Agliè mt.6820 29’09”

Infortunio Tibia (11 Luglio Ritiro a Barbania)

21-25 Luglio Collinare di Frassinetto mt.7090 34’54”

22-07 Agosto Miglio Pont Saint Martin (misto)1609 mt 6’20”

Perdurare dolore tibia e Pubalgia

23-07 Settembre Corsa dei 5 Laghi (Granfondo Collinare) mt 24.300 2h 05’ 53”

24-09 Settembre Notturna S.Grato di Rivara mt 5900 23’46”

Perdurare infortunio

25-28 Settembre Turin Half Marathon mt.21097 1h 34’ 54” (real)

26-12 Ottobre La mezza di Ciriè mt.21097 1h 34’ 38” (real)

27-19 Ottobre Straleinì mt.12000 52’40”

28-9 Novembre 2008 Marathon Des alpes-Maritimes (Nizza Cannes) mt.42.194 3h 33’27”

Pubalgia

29-23 Novembre Maratonina di Strambino mt . 21097 1h 34’10”

30-21 Dicembre Maratonina di Natale (non Competitiva) mt.21097 1h 36’40”


martedì 23 dicembre 2008

Maratonina di Natale

Bella iniziativa quella che si svolge ogni anno prima del Natale, al parco della pellerina.
Una mezza maratona non competitiva al costo simbolico di 5 euro devoluti in beneficenza.
Pur non essendo in gran forma e sfidando il freddo, ho lasciato che mi si convincesse a parteciparvi.
E , nonostante il calore del piumone non invogliasse la levataccia alla fine  una corsa ti ripaga sempre..
Ho  chiacchierato di continuo coi tanti amici incontrati prima , durante e dopo il percorso. 
Non mi sono veramente reso conto di correre fino al tratto finale, quando il fiato ha cominciato a latitare:infatti, durante  gli ultimi due km di gara,  la mia compagnia, tutta femminile, ha aumentato inaspettatamente il passo. Donne  inaffidabili...

Bella atmosfera prenatalizia che fa riscoprire il piacere della corsa in compagnia.
Anche se "quelli lì" davanti, inclusi i nostri "spaghetto" e "franchino" sono competitivi 365 giorni l'anno! (Beati loro!)

domenica 14 dicembre 2008

L'ospite Inatteso

In queste  serate invernali piovose e fredde  ritorno spesso alla mia passione di celluloide. E vi consiglio spassionatamente la visione di questa pellicola.
Pubblico la recensione di Flilm Tv perchè collima esattamente con le sensazioni che ho provato io nel vedere questo film. Il binomio protagonista, maratoneta e quanto di più azzeccato per un post su questo blog!

Ecco il film che tutti dovrebbero andare a vedere durante questi giorni di preparazione natalizia. Una commedia dolce e amara che ti entra dentro e ti cambia. Straordinaria performance di Richard Jenkins

Ci sono film così adrenalinici che si dimenticano dopo pochi giorni. E altri apparentemente immobili, ma che ti lavorano dentro. Come i maratoneti che vengono fuori al traguardo, sulla lunga distanza. L’ospite inatteso (The Visitor è il più polisemico e quindi appropriato titolo originale) fa parte del secondo gruppo. Walter Vale è un professore universitario specializzato in globalizzazione e politiche del Terzo mondo. Vedovo, appiattito su una triste routine, arriva a New York per un convegno e trova nel suo appartamento una coppia di immigrati irregolari: Tarek, un musicista siriano di tamburo, e Zainab, la sua timida fidanzata senegalese. Li accoglie e si affeziona a Tarek, che lo fa rivivere facendogli scoprire la musica di Fela Kuti. Finché il servizio immigrazione non lo arresta. La madre del ragazzo, Mouna, si presenta con pudore a casa di Walter; insieme cercano di evitarne l’espulsione. La seconda regia dell’attore e sceneggiatore Thomas McCarthy (del 2005 il suo esordio, Station Agent), ha il pregio di definire particolari, atmosfere, psicologie e ambienti. Di far emergere l’umanità dei personaggi stritolati dal sistema. Walter è ospite di un’America che non riconosce più come sua, tenuta in scacco com’è dalle paure terroristiche del post 11 settembre (non a caso l’unica bandiera nazionale sfuma in dissolvenza); Tarek ha lasciato la sua patria a causa della guerra, mentre quella adottiva lo respinge per non aver risposto a un modulo ufficiale spedito per posta. Richard Jenkins, noto caratterista di cinema e Tv (da Potere assoluto e L’uomo che non c’era a Six Feet Under), è il vero maratoneta del film: approccio minimalista e rivelazione graduale di sé. Il suo personaggio è lo specchio di un paese che ha perso la capacità di accogliere l’altro, ma forse non del tutto l’energia e la fiducia nel domani. Misurato, realista, volutamente dimesso, il film cerca di guardare con gli occhi di chi è straniero: ecco perché la scena sul battello, quando Mouna e Walter osservano dal mare la statua della Libertà, si fissa nella memoria.


di Raffaella Giancristofaro

venerdì 12 dicembre 2008

La Felicità porta fortuna

Prendo spunto dal nuovo film di Mike Leigh che ho avuto occasione di vedere ieri sera, per scrivere di questa giornata di sole, preludio a nuovi prannunciati cataclismi futuri. La giornata è stata quelle da allenamento intenso con doppia seduta: stamattina una breve sgambata di gruppo


Oggi una corsa su pei monti. Strade pulite e montagne innevate erano una gioia per occhi e cuore, e le gambe assecondavano giocose (complice anche la discesa). 22 km di cui una decina di salita, corsi in maniera rilassata che mi han permesso, per l'ennesima volta di scoprire perchè di correre, non ne posso proprio fare a meno!

giovedì 11 dicembre 2008

Un anno di Blog



Eccolo, l'anniversario!

Ne abbiamo spese di parole, ne abbiamo percorsa di strada e consumate di suole.

L'esercito dei blogtrotter's  nel frattempo è crisciuto in maniera esponenziale, ma la passione, quella che unisce tutti, quella...c'è sempre stata!

Cento, mille di questi post ed altrettanti km da correre insieme!

mercoledì 10 dicembre 2008

Giorni di neve


.... ecchedire avevo appena ripreso gli allenamenti (ed ora??), complici i turni di notte non posso far altro che tornarmene a letto!

Ammè l'inverno mi debilita..
(anelo alla grolla dell'amicizia!)

martedì 2 dicembre 2008

lunedì 1 dicembre 2008

Classifica campionato canavesano Uisp (M40)

E' finita a schifìo (Dato che l'immagine pare non ingrandirsi, vi dico che ho chiuso undecesimo di categoria). Ma non posso certo  dire di non avercela messa tutta!
Ho corso (ostinatamente) l'80% delle gare con infiammazioni e/o malesseri vari..ma rifarei tutto, anzi di più! 
Il 14 dicembre a partire dalle 15, al centro polifunzionale di Strambino è prevista la premiazione. Io cercherò di presenziare, nonostante gli impegni lavorativi, per sostenere i miei compagni egregiamente classificati.
Eppoi tra poco ( e manco a dirlo non vedo l'ora) si riparte...

venerdì 28 novembre 2008

L'importanza dell'allenamento (C'è grossa crisi Part III)

..Dio mi preservi le gambe e la voglia di correre. Di questo passo, non mi (ci) rimarrà altro.
(Il resto del post è una serie di luoghi comuni a vostra scelta e sparpagliati a caso)

domenica 23 novembre 2008

Maratonina di Strambino


Per ordine d'importanza. 
Prima di scrivere questo post do un'occhiata ai risultati della Maratona di Milano, che con sommo gaudio,vedo ha rispettato le attese di tutti i nostri amici blogtrotters. Grandi! Sappiatelo vi ho dedicato un km a testa ,seppur zoppicato.

Volevo chiudere la stagione domenica prossima a Torino con la "tuttadritta", un classico appuntamento per noi torinesi (o quasi). Ma il senno stavolta mi dice di farmi (finalmente) furbo e fermarmi, tanto ho patito oggi in gara.
Appesantito muscolarmente nella prima parte (..e accidenti che freddo!), indolenzito nella seconda..questo è in sintesi il resoconto della mia gara odierna.
Ho corso piuttosto regolare, l'unico cedimento che ho avuto (ho pensato davvero di mollare) è stato psicologico quando mi sono reso conto di zoppicare sempre più. Fortuna che sono stato rincuorato da un amico (grazie Vita),perchè di fiato per chiudere dignitosamente la gara, ne avevo ancora a sufficienza.
Archivio questo episodio con un tempo superiore di due minuti rispetto allo scorso anno. Non c'è nulla da fare: attualmente valgo 1h e 34 sulla mezza. (Fattene una ragione Guido).
Spero di trovare la cura giusta, per ricominciare il nuovo anno con un nuovo piglio e obiettivi migliori!




Grazie Arbolle! [Ma così mi deprimi, cosa vuoi dire che vista la mia andatura, neppure in bici sei riuscito a raggiungere la testa della corsa?Uff... -grazie ancora e complimenti per la prole!- :) ]

domenica 16 novembre 2008

Gara a Vialfrè


37'25'' ovvero 31 secondi in più dello scorso anno. Sono accettabili, perchè un anno fa la condizione era indubbiamente migliore ed oggi il terreno era molto allentato dal fango. Ho corso sulle ali dell'entusiasmo, con l'adrenalina residua di domenica scorsa, con sensazioni alterne ma di enorme fatica muscolare e di fiato nei tratti in salita... (se almeno non mi fossi letteralmente piantato su quella finale).
Va bene così, del resto avevo una maratona da smaltire!
Ho anche scippato (ma poi equamente diviso) un ultimo premiuccio al mio amico sventurato Marco, estromesso dalla classifica per una svista di cartellino, ma giunto prima di me di oltre un minuto.
La gara è stata vinta da Baratono davanti ad Igor, mentre la "nostra" Daniela quest' oggi è giunta terza assoluta, precedendo per l'ennesimo volta il sottoscritto, anche se di soli dieci secondi...

QUI LA CLASSIFICA

lunedì 10 novembre 2008

La mia prima maratona! (a 40 anni)



Rimarranno indelebili nella memoria, questi due fantastici giorni.

Me la sono goduta proprio tutta.


Un ford Transit carico di entusiasmo, noleggiato per l’occasione, aspettava me e la mia personal supporter Eleonora, a Leinì.

Daniela, Ivano, Angelo, Fabrizio,Silvio e Carlo, gli altri nostri compagni di avventura. Un viaggio animato dalla lettura di testi classici del periodo post avanguardista, così interessante che Fabrizio ha voluto condividerne l’esperienza con la popolazione indigena locale.


Si giunge (dopo essere stati segnalati a tutte le pattuglie della polizia francese) a Nizza giusto in tempo per il ritiro del pettorale. Ci sono ancora da consegnare le tessere ed

i certificati medici per cui la fila si preannuncia eterna. Alla fine ci viene dato il pettorale con su stampato non solo il numero, ma anche il rispettivo nominativo, il chip ed u no zainetto quale premio di partecipazione.
L’albergo, dignitoso ed economico si trova a 4 km dal centro, nei pressi della casa dei genitori di Daniela, che ospitali ,ci accolgono con una quintalata di pasta, e frutta da intingere in un irresistibile cioccolato fondente!

La notte è movimentata, fortuna che io ed Eleonora abbiamo una doppia tutta per noi, in quanto rumori indicibili (!) giungono dalle stanze adiacenti , dove sono stipati i colleghi d’avventura.Le ore trascorrono pressoché insonni, mi sveglio più volte in preda ad un' ansia, mista alla solita preoccupazione di non portare a termine la gara.

Il “risveglio” è confusissimo, impiego più del dovuto a fare mente locale su come sistemare le valige in modo di avere un cambio pronto all’arrivo. Mi sento un bambino delle elementari in gita scolastica…Dopo la colazione, la mamma di Daniela ed Ele, ci accompagnano in centro e la giornata comincia a sorridermi.

Un bel sole ci attende e….. un delirio di visi tirati e sorridenti, colori, suoni, voci, accenti diversi…e sopra di noi il rumore d’elica di un elicottero per le riprese video.Il nostro tentativo di infilarci tutti nella stessa gabbia (perché ovviamente avevamo dichiarato tempi diversi), riesce solo a metà. Io e Carlo veniamo brutalmente ricacciati in quella successiva.Poco prima dello start, vedo infilarsi proprio davanti a me Luigina DeFinis dell’A.T.P Torino, che mi confiderà poi nel finale di avere avuto il pettorale da un amico che ha rinunciato all’ultimo, in quanto lei non era riuscita ad iscriversi in tempo utile (diecimila iscritti il tetto massimo) per cui comunque non apparirà in classifica.Gli italiani presenti alla gara devono essere comunque proprio tanti: ne vedo arrivare da Cuneo, Albenga, Milano…

Repentina, arriva la partenza!Impiego quasi due minuti ad arrivare alla linea dove risuonano senza intermittenza migliaia di chip. Lì parte la mia gara: metto in moto le gambe, il Garmin ed i secondi cominciano a scorrere…Ma non saranno così importanti: guarderò il cronometro pochissime volte fino all’arrivo. Gli occhi rimarranno estasiati dalla cornice alla gara.Si corre quasi sempre lungo il mare, tra ali di folla vociante. Un tifo entusiasta che non ci abbandonerà mai fino alla fine e che continuerà a spronarci coi “courage!” e con gli “alè alè” fino all’ultimo metro!Non credo di aver mai corso così rilassato, chiacchiero con Carlo, tengo un' andatura facile ma pressoché costante, la sensazione è ottima, del resto rimango timoroso: in vita mia non ho mai oltrepassato i 34 km e non so proprio cosa possa accadere dopo. Il venticinquesimo km segna l’inizio di qualche saliscendi che comincia ad infierire sulle gambe, accorcio il passo in salita e mi distendo seppur poco (il dolore alla coscia ancora si sente) in discesa.Dopo il trentesimo, comincio ad appesantirmi, ma lo spettacolo rimane incredibile e mi sprona a continuare con lo stesso ritmo. Intanto piano piano che si avanza, comincio ad intravedere alcuni corridori fermarsi lungo il cammino,c’è chi s ‘appoggia al muro a fare stretching, chi abbassa le braccia e comincia a camminare.Passato il 35° fatico a rispondere con la dovuta energia al tifo, ma scorgo ancora i volti della gente ne sento le voci che s’amplificano; così, le gambe, seppur pesanti, non vogliono saperne di fermarsi.Perdo un sacco di tempo ai rifornimenti, un po’ per la stanchezza, ma anche perché non sono gestiti alla perfezione: acqua , pochissimi sali, e coca cola(!??) come liquidi.Una leggera crisi arriva al 39° km, ma è più muscolare che altro…(non ho molti km nelle gambe), tengo duro, so che manca poco, (“ormai ce l’ho fatta” continuo a pensare!!)L’ultimo km non si dimentica :la folla è impressionante e scandisce con le mani il tuo incedere, la vista è un po’ annebbiata ma ritrovo tutte le energie che credevo perse…accellero.

Vedo il traguardo,il tappeto rosso, le gambe si allungano ancora, sento Ele che mi incita..alzo le braccia in segno di giubilo.E’ fatta!!!Non è un gran tempo: leggo 3 ore e 34 sul tabellone (il mio Garmin segnerà 3h 33.27 di real time) ma la felicità e così tanta che niente mi evita di esultare come un Gebre che abbatte il proprio record.Del resto è pur sempre un personale!M’infilano una pesantissima medaglia, mi tolgono il chip e mi regalano una maglietta con su scritto “finisher” di un discutibile colore maron.

Con molta fatica ci ritroviamo tutti, e ci scambiamo sensazioni e tempi. Il più bravo è stato Fabrizio che ha chiuso in 3h11 (vado a memoria),poi Daniela in 3h16; Ivano 3h 21, Angelo 3h26, Carlo in 3h 42 ed infine dolorante arriva Silvio che chiude (trascinandosi) in 3h50 dopo essersi dovuto fermare per via dei suoi tendini devastati da una vita di corsa (era transitato alla mezza in 1h e 17!) I sorrisi non si contano, decidiamo per un bagno, alcuni sfidano

l'acqua novembrina fino in fondo..io mi limito a ritemprare i piedi. C’è ancora il tempo per una doccia ed una cena sulla costa ligure a base di pesce!

L’entusiasmo non si placherà fino all’approdo nelle nostre case.


Sono felice.

martedì 4 novembre 2008

Change!

Finalmente!

E' il giorno della resa dei conti negli SatiUnitiDAmerica , quello in cui il cambiamento appare imminente. Vi ricordate otto anni fa?


Beh i tempi sono cambiati!


Idea spudoratamente scippata a "Disruption"

giovedì 30 ottobre 2008

Il mare d'autunno


Cresce in maniera smodata, la mia ansia, mista alla preoccupazione di non portare a termine la mia prima maratona. Sì perchè stasera dopo poco meno di nove km, il dolore all'inguine è tornato a farsi vivo più che mai..Ma si sa, sono cocciuto: le prenotazioni sono fatte ed io questo sassolino dalla scarpa me lo devo levare , ne va della mia salute mentale (ah no quella è già compromessa).




Correrò con una preparazione inadeguata, semincoscente su ciò che accadrà oltre il 30° km, ma senza l'ansia del tempo cercando, per quanto possibile, di godermi il paesaggio. Chissà magari avrò anche occasione di rispolverare il mio francese scolastico durante il percorso.
Ne approfitto per inserire un sondaggio su cosa, secondo voi, accadrà il 9 novembre. Tra tutti coloro che indovineranno l'esito della gara, verranno estratti a sorte i miei calzini originali usati durante l'impresa (ovviamente il servizio lavanderia non è incluso).

mercoledì 29 ottobre 2008

ego smanioso offresi

Se sei un lettore di questo blog , puoi seguire direttamente i post pubblicati cliccando semplicemente sul simpatico uidgetgadget (non mi viene) qui sulla sinistra...
..ossia pigia su "segui questo blog"

viva le potenzialità ghùgheliane!

martedì 28 ottobre 2008

Ho un tempismo eccezionale!


Erano almeno sei mesi che non pioveva...ma l'ho presa proprio tutta!!

sabato 25 ottobre 2008

Il luuuuuuuungoo


Le colonne sonore sono fondamentali. Ci accompagnano, sottolineano i momenti importanti della nostra esistenza: le gioie, i dispiaceri, le mode e gli anni che passano.Delle colonne sonore non posso farne a meno, mi ci affido incondizionatamente. E così è stato anche ieri per il mio solitario lunghissimo.Una scelta musicale sbagliata, in questi casi, e soprattutto quando le forze mancano, gioca il suo ruolo e , nella peggiore delle ipotesi, può addirittura esserti fatale: ti disorienta e contribuisce ad aumentare tutti i dubbi che già ti assalgono normalmente.... (Il nuovo disco di Vinicio Capossela, criticabile o meno, non si può certo dire che brilli per il ritmo).

Ecco quindi i pensieri che affollano la mente: le preoccupazioni, le domande i bilanci, i quotidiani dissesti…tutti a coalizzarsi, seppur disordinatamente e ad accompagnare il mio passo trascinato per trentaquattro km!

La gamba, dal canto suo, un po’ si fa sentire, anche se meno del previsto. Ad un certo punto ho persino avuto la netta percezione della fonte del dolore: non l’inguine, bensì la schiena, là dove incontra il bacino. Di lì parrebbe partire tutto…” eureka..ecco l'origine del malessere!”  Ma è solo un istante, il dolore si rifocalizza di nuovo verso l’interno coscia e si estende verso il basso, come a voler dire “illuso ,non ti dimenticar di me”. Se l’andatura era volutamente mooolto blanda,  oltre il 30° km diventa addirittura implorante. Ho visto con lo sguardo un po’ appannato, un paio di podisti che viaggiavano dalla parte opposta, abbozzarmi un sorriso, un saluto e poi ritrarsi in uno sguardo , vagamente pietoso.Il 34° km mi porta esattamente davanti l’uscio di casa…salgo a fatica le scale, mi butto a capofitto sul letto e ci rimango inerme per oltre un’ora, prima di decidermi che è veramente troppo tardi e trascinare le mie esauste membra sotto la doccia.

Ho ancora il tempo di fare due calcoli, una proiezione cronometrica che mi porterebbe oltre le quattro ore.  Sto male. Mi devo distrarre. Stasera c’è il concerto. Ho rinunciato alla cena dei 40 anni coi coscritti pur di esserci.


 Arriviamo con mezz’ora di ritardo, c’è da giungere in città, attraversarla tutta e soprattutto trovar parcheggio! L’ora d’inizio concerto era prevista alle 21.30 ..quindi... com’è possibile che alle 22 e 10 io mi sia già perso tre esibizioni, soprattutto “Le luci della centrali elettrica” ??      Mistero.

Cambi di palco eterni, ma tutto sommato belle performance. Io, i testi dei Linea77 non li capisco, non nel senso filosofico (ammesso che esista) ma proprio non riesco a percepirne le parole , eppure l’acustica qui è buona. Per le statistiche questa è la 32esima volta che assisto, negli ultimi 12 anni, ad un concerto degli Afterhours, un vero record, ma giustificato, visto che li considero la band italiana più meritevole dell’ultimo decennio nel panorama musicale nazionale.(Ma  stasera Manuel Agnelli sembra più skazzato del solito..” ah le dive!”). I ggiovvini, dal canto loro, sembrano trascinati  solo dai Subsonica, prima di loro nessuno poga..così. 

Una gradevole serata che diventa , a poco poco, da “no nuke” ad un manifesto contro la“(contro)riforma”  Gelmini, , contro le mafie…ad un appello antigovernativo (l'unico bis in cui si esibisce la band è un "non  facciamoci prendere per il culo"). Quasi un antipasto quindi alla manifestazione odierna al circo massimo.

Vabbè, bando alle divagazioni, sempre di musica si tratta..e noi ci siamo stati, noi ci siamo, noi ci saremo.. e vista la verve di tarantola Max Casacci, e, considerata la sua età..anche io ho ancora possibilità. Chissà, anche di chiudere una maratona in maniera dignitosa.

domenica 19 ottobre 2008

Straleinì


Non c'è mai fine al peggio.
Una settimana di fatica eccessiva e sofferenza non lasciava presagire nulla di buono..ma confidavo nella mia forza di volontà.
E' stata la prima a latitare oggi.
Avevo provato il percorso in settimana,col senno di poi, credo sia stato un handicap, perchè sapere dove avrei trovato delle difficoltà, mi ha spinto ad una cautela eccessiva.
Il dolore all'inguine ha fatto il resto. Non ho praticamente corso.
Già al 9° km avevo deciso che mi sarei regalato gli ultimi 500 mt a velocità folle. Peccato che il preannunciato giro di 500 mt dopo il 12° non ci sia stato. Mi sono rimasti 100 mt da correre come un pazzo (velocità 2.30 min/km) secondo il garmin..Sarò sembrato uno squilibrato agli occhi del pubblico rimasto per gli ultimi arrivi.
Non ho avuto bisogno del ristoro finale, fuggito a casa disperato e ironicamente sorridente.

Non vedo l'ora che finisca questa sfortunata stagione per fermarmi un paio di mesi , ricomporre i pezzi e ritrovare la fiducia che via via sto , sempre più, smarrendo. Ma, dettaglio , c'è una maratona da condurre in porto di mezzo.
[io prima che perdessi conoscenza in compagnia dei mittici compagni d'avventura Daniela, Carlo ed Angelo]

Ps. Un plauso agli organizzatori: bel percorso e bella la maglietta tecnica data in cambio di soli 5 euro d'iscrizione! (altro che la miseria della "tuttadritta")

giovedì 16 ottobre 2008

NO NUKE! Rock contro il nucleare

Concerto venerdì 24 0ttobre 2008 ore 21.00 
Il palco delle cerimonie di apertura e chiusura di Terra Madre, allestito al Palasport Olimpico (Isozaki), sarà il teatro di un evento speciale la sera di venerdì 24 ottobre: No Nuke! Rock contro il nucleare. Sul palco alcuni fra i migliori artisti della scena nazionale per presentare il Movimento Torino Sistema Solare. Parte del ricavato sarà destinato a finanziare il viaggio a Torino di tre comunità di Terra Madre che operano nella produzione agricola attraverso l’utilizzo di energia solare: i produttori di cioccolato biologico di Saint Patrick (Grenada), le produttrici e trasformatrici di frutta e legumi della zona di Baguinéda (Mali) e i produttori di frutta essiccata della regione di Pwani (Tanzania).

TORINO SISTEMA SOLARE
con l'ospitalità di Terra Madre
in collaborazione con Legambiente
presenta:


NO NUKE!
ROCK CONTRO IL NUCLEARE
con SUBSONICA
AFTERHOURS
LINEA77
BUGO
LE LUCI DELLA CENTRALE ELETTRICA
HARRY LOMAN

in concerto

venerdì 24 0ttobre 2008 ore 21.00
PALAISOZAKI, TORINO

              

Torino si mobilita contro i progetti di ripristino dell'energia nucleare nel nostro paese e a sostegno della campagna 20/20/20 (-20% immissioni, +20% energie alternative, +20% risparmio energetico). Iniziative  di informazione e di testimonianza prenderanno vita durante la giornata e la nottata.A venticinque anni dallo storico concerto antinucleare tenuto al Castello del Valentino e a ventidue anni da Chernobyl, nessuno dei problemi di allora è stato minimamente risolto.
Scorie radioattive, sicurezza degli impianti, costi elevatissimi, rendono antistorica e puramente demagogica la scelta del nucleare. Gli estremisti dell'atomo dimenticano che non è possibile aspettare 10 anni per ridurre i consumi senza investire sulle energie alternative.

TORINO SISTEMA SOLARE, sarà la sigla di riferimento per tutti gli artisti, i locali e le realtà impegnate nella giornata ambientalista che offrirà anche l'occasione per discutere di energie alternative.Il concerto si terrà sul palco di Terra Madre, il grande meeting mondiale delle Comunità del cibo, 
in piena sintonia di principi e filosofia.
«Siamo parte del sistema spontaneo fatto di luoghi, azioni, pensieri, suoni, progetti, gratuità, resistenze  individuali e collettive  che  orbitano intorno all'idea di una città aperta e mai rassegnata».
Il prezzo del biglietto sarà di 12 euro.Gli artisti si esibiranno gratuitamente.
Gli utili andranno a sostenere progetti di energia pulita nelle Comunità di Terra Madre nel Sud del mondo e campagne di comunicazione sociale.

Informazioni

Hiroshima Mon Amour


domenica 12 ottobre 2008

Una mezza..scoppiata


Quasi tre minuti in più del tempo dell'anno scorso per chiudere la gara odierna...

Dai e dai, di più non ne ho proprio in questo periodo. Anzi, a fine gara mi sono autocomplimentato per il mio temperamento, perchè ho rischiato di non finire questa impegnativa mezza.
Sono infatti giunto al traguardo al limite dello svenimento, superando tre crisi indicibili con la sola forza dell'ostinazione.[Grazie ad Andrea posso essere più eloquente]

L'ammirazione di rito ad Igor , terzo assoluto quest'oggi , ai miei colleghi di società tutti velocissimi (auguroni a Marco che oggi ha festeggiato il suo compleanno!) e ad Andrea che ho scorto per un secondo sulla linea di partenza e poi perso di vista, consapevole che avrebbe effettuato solo un giro del percorso.


A proposito, non che sia una giustificazione, ma due giri del percorso uguali se non sei più che preparato, demotivano anche un pò mentalmente.
Amen

La classifica completa QUI

lunedì 6 ottobre 2008

Emocromocitometrico

Vista la mia stanchezza cronica, la scorsa settimana mi sono finalmente deciso a fare i prelievi di sangue che, in piena crisi di risultati (anche in allenamento) , non solo dovuti ai miei ricorrenti infortuni, mi ero fatto prescrivere un mese fa...
...Ora ho qui una serie di dati che sottoporrò alla visione del mio medico di base, giusto per capirci qualcosa. Intanto , sottopongo a voi atleti esperti i dati "fuori valore standard", per sapere se esiste un problema, dei rimedi, oppure se devo semplicemente "pedalare" con maggiore energia smettendola di lamentarmi!


RBC  (Globuli rossi)                   4,19    10^6/UL                [4,5-6]
HGB (Emoglobina)                    13, 2 g/dl                        [14-17,5]
HCT (Ematocrito)                     39,8%                           [41,-53]
MPV (Volume delle piastrine)    7,3 fl                                [7,4-9,9]
------
Ferritina 32, 5 [30,0-400] * è ancora nei parametri, ma si calcoli che assumo una pasticca di ferro e acido folico tutti i giorni da oltre un mese

-------------
Alfa-2 globuline 8,4 % [9, -14]
Beta- Globuline 8,8 % [9-15]

-----
Voi ci capite qualcosa?E se li giocassimo al lotto?

domenica 5 ottobre 2008

Autocelebrativo (i miei primi quarant'anni)

sù sù non sei poi ridotto così male.
Fai una disanima accurata della tua persona e trova un valido motivo per festeggiare.
..E non dimenticare un po di fiato per spegnere le candeline!

                                   

(ho un pensiero ricorrente: chissà se a Mimì Aiuara è venuta la cellulite?!)

venerdì 3 ottobre 2008

Ripetuta Juvant


Oggi, dopo aver fatto i prelievi del sangue, stressato più che mai, col mio fedele dolore alla coscia (adduttore, inguine..fate voi), tra un turno e l'altro saltellando, son riuscito, divincolandomi per le strade a fare ben (...) 4 mille   sotto i 3'.50" ( recupero di 500 mt). Di questi tempi, è un vero miracolo..sono commosso...

domenica 28 settembre 2008

Turin Half Marathon 2008

Capita di non voler raccontare una gara che ha lasciato solo sensazioni negative?
Sì.

ps. Spaghetto andavi velocissimo, ma dalla parte sbagliata!

29-09
Neanche oggi, col senno di poi, ho voglia di parlare della gara di ieri..Viste comunque le richieste di esorcismo pubblico, abiuro pubblicando il desolante riscontro cronometrico..
.. ora vado a rispolverare la bici.

giovedì 25 settembre 2008

Presentazione La mezza di Ciriè


Ricevo e pubblico volentieri!


Amico podista,
spero di fare cosa gradita presentandoti la mezza maratona nazionale La Mezza di Cirie' edizione 2008. La formula e' quella collaudata della passata edizione, premiata dalla partecipazione di oltre 700 concorrenti:
1- percorso completamente chiuso al traffico di 2 giri di 10,55 km tra le piste ciclabili ed il centro storico di Cirie'
2- cronometraggio tramite chip magnetici e classifiche prontamente consultabili sia sul posto sia su internet (competitiva)
3- gare giovanili ad iscrizione gratuita da disputarsi al termine della gara adulti
4- ricco ristoro e pasta-party per tutti i concorrenti ed i loro accompagnatori
5- pacco gara di valore, costituito da un paio di sprinter in materiale tecnico, ideale per correre nella stagione autunnale, oltre ad ulteriori gadget offerti dagli sponsor. E' confermata anche la sezione non competitiva di 10,5 km (1giro) a cui possono partecipare i non tesserati e coloro che non se la sentono di percorrere la distanza classica di 21,097 km. Ti ricordo che le iscrizioni sono gia' iniziate: ti puoi iscrivere presso il gazebo CRAL Regione Piemonte presente alle principali gare (sabato p.v. alla distribuzione pettorali della mezza di Torino e la domenica successiva alla mezza di Volpiano), oppure da Adrenalina Sport (Torino, c.so Vercelli 67/d). In alternativa puoi utilizzare anche il fax pagando la quota di iscrizione tramite bollettino postale.
Puoi scaricare il volantino, i moduli di iscrizione ed avere ulteriori informazioni visitando il sito www.lamezzadicirie.it
Allora ci vediamo a Cirie' domenica 12 ottobre!

A nome di tutto lo Staff Organizzatore
Corradino Arrotini

venerdì 19 settembre 2008

Terapia aggressiva

Latte, miele e cinema!

Doomsday

Un tripudio di citazioni (da "i guerrieri della notte" a "mad max" passando per "28 giorni dopo") ed adrenalina. Non esattamente il mio genere, ma mi era talmente piaciuto "the descent" che
 ho voluto riprovare e Neil Mashall, ancora una volta stupisce, incanta ed incolla lo spettatore allo schermo, con un ritmo volutamente eccessivo e senza tregua!

Denti

Sapevate che l'amministrazione Bush, spende  un centinaio di milioni di dollari l'anno in campagne a favore dell'astinenza sessuale? Sapevatelo..questa è la lotta americana all'aids (rabbrividiamo)
Proliferano le comunità giovanili che predicano la castità sessuale. Di una di queste
 fa parte Dawn (interpretata da una splendida Jess Weixler, vincitrice del premio della giuria al Sundance festival). Gli uomini sfortunati protagonisti negativi, cadranno, a cominciare dal fratellastro tutti sotto  colpi della sua vagina...(sìsì avete letto bene! )
degno di un B-movie anni '50 , con tanto di centrale nucleare sullo sfondo, il film è sorprendente ed imperdibile!

martedì 16 settembre 2008

..Ed ora il mal di gola!


Basta! Quest'annata (podistica) è da dimenticare in toto. Si prospettano drastiche soluzioni

venerdì 12 settembre 2008

Pausa bohemienne

L' allenamento  programmato con Marco che , in grandissima forma, mi ha proposto 4 duemila con recupero di 500 mt, è terminato per me alla seconda ripetuta !
Mentre lui volava via, io entravo in un vortice di demotivazione cronica, e riflessioni varie....

Trascuro tutto, 
Gli impegni sociali,l'arte, gli affetti, la musica, il cazzeggio (...)

Ho deciso!! Domenica istituzionale,  con tanto di serata dedita ai sentimenti, concerto al seguito e notti (spero) insonni, una volta tanto non per il lavoro! Quindi...

...almeno fino a mercoledì!

giovedì 11 settembre 2008

martedì 9 settembre 2008

San Grato di Rivara (Una simpatica sgambata)


Dopo la faticaccia di domenica, ed essere rimasto per tutta la giornata di ieri impietrito dall'acido lattico, stasera ero indeciso sul da farsi:
Od una corsa facile di defaticamento , od una garetta in zona.
Secondo voi per cosa ho optato?
Comincio subito dalle note dolenti e nel dire che, cronometro alla mano, ho impiegato ben 27 secondi in più dello scorso anno per compiere i 5880 mt (Garmin) del tracciato.
I problemi ci sono stati fin dalla partenza. La pistola dello starter ha fatto cilecca..i primi sono partiti prendendo subito una sessantina di mt. sugli altri concorrenti basiti (io su tutti) indecisi sul da farsi...
Poco male, il distacco sarebbe emerso comunque.
Quest'anno, se escludiamo il miglio, non sono riuscito ad abbattere il muro dei 4 minuti al km di media neppure una volta, cosa che lo scorso anno, seppur di poco, mi era riuscita in svariate occasioni. E anche stasera non fa eccezione : media finale 4.02.
Non potevo dare molto di più, la fatica di domenica s'è fatta sentire e tutto sommato mi son difeso coi denti.
Finalmente c'è stata l'occasione di incontrare il mitico Arbolle a cui dobbiamo i numerosi video delle nostre gare canavesane.
Purtroppo, che siano le ultime gare in notturna di quest'anno, lo si evince dal precoce calare delle tenebre sul finale di gara, pazienza..di correre non si smette comunque mai!

domenica 7 settembre 2008

Corsa dei 5 Laghi (una gita in collina)


Ivrea 7 settembre 2008,
Finalmente una gara di cui raccontare.
Gara(...)l'approccio a questi 24km e 300mt (oltre 500 secondo il Garmin) non è stato quello vero e proprio di una competizione. E dire che ero partito con le peggiori intenzioni. Ovvero farla a ritmo maratona.... risultato, ho fatto anche di peggio con una media finale che indicava 5'07" (!!!)

Attenuanti:
1- Ho ripreso da poco ad allenarmi con continuità e, soprattutto non avevo lunghi nelle gambe
2- Da queste parti tendono, a volte, scambiare le collinari con delle vere e proprie skyrace
3-Seppure il problema alla tibia sia quasi completamente sparito, quello all'adduttore mi ha tormentato tutta la gara, limitandomi nel mio repertorio migliore:la discesa.
4- Ho avuto la brillante idea di ingerire degli zuccheri prima di partire, per cui dalla metà in poi, per almeno quattro chilometri ho patito di dolori al fianco (fegato)
5- non avevo la benchè minima predisposizione alla sofferenza oggi, tanto da perdere un minuto circa ad ogni ristoro, più una ulteriore pausa per i miei (ricorrenti) bisogni fisiologici.

Finite le attenuanti posso solo fare autocritica, ma la verità è che correre è sempre un diletto e non riesco ad avere rimpianti neanche dopo una pessima prestazione.
Anzi sì, uno l'ho..quello di aver preso il pacco con la bottiglia di barbera anzichè l'erbaluce. Pertanto se quallche "compagno" all'ascolto volesse far cambio si faccia avanti!

Scherzi a parte, era la prima volta che mi approcciavo a questa bellissima gara, molto impegnativa, ma organizzata in maniera impeccabile e con oltre 600 partenti.. Godere delle gare, (e chi è alle prese con qualche infortunio ed in questo momento non può gareggiare mi capirà più di ogni altro) è di per se una grande soddisfazione.
I complimenti di rito vanno all'ineffabile Luca Cerva vincitore assoluto, alla "nostra Daniela" prima di categoria (mi ha dato oltre un km!!!) ed a Fabrizio, anch'egli tra i premiati di categoria,ed inarrivabile per tutti noi...almeno per quest'anno.