mercoledì 11 agosto 2010

Chiodo schiaccia chiodo


Continua la mia personale sfida alla salita.
Oggi il programma vacanziero prevedeva la salita al Santuario di S. Ignazio, partendo da Lanzo .


Pur non spingendo all'eccesso le sensazioni cominciano a migliorare, tanto che arrivato sopra il Santuario e goduto di una vista mozzafiato, ho deciso di proseguire sù fino a Chiaves e di lì fino a Sistina, rifocillandomi alla fontana famosa per la leggerezza della sua acqua.

La discesa invece è stata più traumatica, in quanto non conoscendo i sentieri che accorciavano il tragitto ho percorso giù giù tutta la strada asfaltata, affrontando tutti i tornanti che...non sembravano terminare mai.
Totale allenamento 22km circa per un dislivello di circa 700 mt e due ore di corsa.

Comincio a prenderci gusto!

5 commenti:

fathersnake ha detto...

Roba da Marco Olmo, insomma..

stoppre ha detto...

controllati... è proprio quello che non devi fare per le tibie....la forte discesa.

MaxRunner ha detto...

complimenti,gli allenamenti in salita sono molto gratificanti, peccato però per le discese deleterie per le articolazioni.

costanza ha detto...

sti cazzi! però concordo con stoppre... stai all'occhio che l'aulin prima o poi non te lo vendono più!

Anonimo ha detto...

grnde!!!!