giovedì 25 giugno 2009

Notturna di Villanova C.se + Il miglio di Torino



Ovvero Mi do agli straordinari.

Che tendevo ad eccedere nelle gare già lo sapevo, ma l'incoscienza di un uomo a volte non ha limiti.Anzi spesso ci si butta a capofitto in sfide che non ci appartengono, rischiando solenni figuracce. In questi casi si dice che conta lo spirito (ed io di quello ne ingurgito parecchio).

Buona gara Martedì sera a Villanova Can.se, almeno per quanto riguarda il mio tempo abbassato di circa 25" rispetto lo scorso anno (anche se stasera si correva ad una temperatura più accettabile). Purtroppo quest'anno la categoria dei Master 40 pare superaffollata, ed entrare in una classifica di categoria, anche se in una gara non proprio affollata, significa correre decisamente sotto i 4'/km. Ho le gambe ancora indolenzite dalla mezza di sabato scorso sotto il diluvio universale, e faccio fatica a spingere, per cui non riesco ancora a tenere il passo che sarebbe nelle mie intenzioni, ma qualche progresso in fondo si vede. Corro più agevolmente del solito tanto che spesso gli ultimi mt riesco ancora a sprintare, sintomo che "non ho dato tutto". La serata si conclude con stoppre e consorti in pizzeria. Ricomincia la sfida trasversale di alzata di gomito. Alla faccia dell'incoscienza e di ciò che mi attenderà il giorno seguente.
La mia catarsi finisce bruscamente, mi aspetta un
a mattinata in montagna.La giornata è magnifica ed Eleonora, vista la festa di San Giovanni vuole godersi il suo meritato riposo al Pian della Mussa. Piccolo dettaglio: venerdì in un momento di seminfermità mentale,spinto dal desiderio di correre in una delle più belle piazze d'Italia, mi sono iscritto al miglio di Torino. Per cui intorno alle 15.30 si ripercorre la via di casa e poi quella verso la città.

La cornice è spettacolare, il mio stato fisico e mentale un po' meno. Sento smottamenti vari dentro di me, forse per via della birra o più semplicemente solo dettati dal nervosismo.Tensione che cresce col passare dei minuti. Provo un allungo, le gambe son di piombo! Mi fermo, deciso che affronterò il balzo nel vuoto,ad occhi chiusi , ma col sorriso sul volto.
Partono le donne, corrono Cristina e Daniela. Daniela è una della ragazze più caparbie ch'io conosca! So che l'allenamento in questo periodo non è la sua priorità e che lo stato di forma non è eccezionale. Eppure guardala lì a lottare cercando di tener testa ad Ignazia Cammalleri , forte atleta del torinese..tiene la seconda posizione a denti stretti fino al traguardo resistendo ad ogni attacco avversario. Grande!)
Tocca al sottoscritto, guardo i volti (ed i fisici) dei miei avversari ed un "chimelhafattofare" s'insinua nella mia testa, io E Vita cerchiamo reciprocamente conforto. Vorrei fuggire, fingere uno stiramento, un malore, qualsiasi cosa. Ed invece resto lì...sulla linea di partenza come qualcuno che ha smarrito la via di casa. Coraggio Guido 5 giri ed è finita, penso..in fondo sono abituato a ben altro (già, perlappunto). Qui fanno le cose sul serio, c'è anche l'appello "presente" (?) mormoro. E finalmente liberatorio giunge lo sparo....
..evito per un nanomillimetro una gomitata in partenza, sembrano aver tutti decismente fretta! Mi accodo al serpente che si forma immediat
amente, cercando di seguire disperatamente la suola delle scarpe rosse che mi trovo davanti. Accade subito qualcosa. Mi sembra di venire svuotato di colpo di tutti i miei liquidi (proprio come in un film di fantascienza che vedetti qualche anno fa). La gola diventa irrimediabilmente secca, respiro male. E quel che peggio, è che le gambe dopo appena mezzo giro del percorso sono affaticatissime. Perdo così subito contatto, vado avanti per ostinazione. Sono un baccalà, "sento spaghetto che mi dice di alzare le gambe mag
giormente" , sono tentato di fermarmi a spiegargli. Perdo la convinzione, io che credevo di aver fatto dello sprint il mio punto di forza, quello con cui cimentarmi alla pari coi miei compagni d'allenamento.
La signorina mi indica un 2 su di un cartello. Sono in apnea "sono quelli da fare o quelli che ho fatto mi chiedo?" Subito dopo una campanella che suona a distanza svelerà l'arcano. "Riesco ancora a ragionare quindi...."
Ma ecco improvvisamente il panico. Sto per arrivare sul traguardo, di quello che sarà il preludio al mio ultimo giro..il pubblico mi sembra sovraeccitato, lo speaker alza la voce.."arriva arriva il vincitore!".Qualcuno stende lo striscione. Io perso tra la voglia di accellerare per non farmi doppiare per pochi metri, quella di farmi da parte con uno "scusate l'intrusione" ed il desiderio di farmi scherno di loro fingendo di esultare. Qualcuno scatta una foto. Sono disposto a pagare per trovarla!
Schockato, rallento ancora il passo, ma ormai siamo alla fine, e riesco a tenere il mio ritmo, anzi a pochi metri dalla fine dell'incubo, felice di portare a termine rapidamente l'impresa ho un piccolo scatto d'orgoglio ed aumento l'andatura. E' finita! Uno squallido 5'50".
Ci riproverò: so di valere molto meno (o di più dipende dai punti di vista), ma la prossima volta un minimo di preparazione alla gara sarà opportuna!
Tossisco all'impazzata,restituisco il chip e mi danno anche il pacco gara, non male visto che questo giro di giostra era gratuito. Un'esperienza da ripetere, al di là di tutto!
Per la gioia dei maschietti commentatori!

10 commenti:

the yogi ha detto...

'meglio provare e poi pentirsi che pentirsi di non aver provato....'

stoppre ha detto...

la cammalleri oltre tra le più forti è anche tra le più gnocche !!

Anonimo ha detto...

TI DO CORDA....TRANQ....
SPAGO

... E io corro! ha detto...

ahaha spago mi sa che non sono credibile...aspettavo una foto! ;)

franchino ha detto...

Quotone per stoppre

Paolino73 ha detto...

Concordo anche io sull'affermazione di Stoppre

Angelo Bip Bip ha detto...

Ciao sono Angelo mi avrai visto postare sul blog di Andrea, c'ero anche io nella tua batteria ed ho provato le tue stesse emozioni, non era una gara per noi chi vi ha partecipato aveva esperienza in pista nei 1500, avessimo partecipato nella batteria delle donne avremmo fatto la nostra sporca figura ma ci è toccato Ciantia e soci....... come dico sempre ad Andrea tutto serve, non scoraggiamoci e anzi ti invito a riprovarci a settembre al Miglio di Venaria con sicuramente un pizzico di malizia e di mestiere in più.
Un saluto a tutti i blogger siete simpatici e una bella realta.

Anonimo ha detto...

Corrado:ti ho visto che mi passavi in corsa ad Agliè,hai la scritta Guido sulla schiena,bel giro ma ero morto.
Ciao.

... E io corro! ha detto...

@Corrado: improbabile ad Agliè non c'ero,forse ti confondi con altra gara...Anche se è vero che ho la scritta Guido sulla canotta.. ma in questo momento è fuori stesa (alla pioggia)
Ciao :)

Daniele ha detto...

Ma forte questo "miglio"! E dai che non è andata così male!