domenica 3 ottobre 2010

8^ Maratonina dell' Abate Guglielmo (Volpiano)


Dovevo far "presenza", viste le mie difficoltà motorie e non...
Devo ammettere che è andata meglio di quanto pensassi... Infatti, pur pagando la difficoltà di spinta della gamba destra dovuta all'eterna pubalgia ed una partenza fin troppo timida; nella seconda parte di gara le sensazioni sono andate via via migliorando fino a regalarmi un arrivo piuttosto "tranquillo".
Il riscontro cronometrico non è certo degno di nota, comunque dignitoso.
[Stoppre , già colpito al cuore,nel mio mirino]




Ps. Un saluto ed un ringraziamento a tutti gli atleti visitatori del blog che durante le gare mi confidano di seguirlo (a volte persino rallentando per salutarmi!)
Come ho detto a qualcuno oggi in gara, "non avremo molto fiato per correre ma per parlarne...."
[Questo Ragazzino Terribile ci ha tenuto compagnia per tre Km (senza neppur ansimare un po'), facendoci sfigurare davanti ai fotografi..un talento!]

9 commenti:

Anna LA MARATONETA ha detto...

grande, Guido...contro gli infortuni...sempre!! l'importante, adesso, è non aver problemi a scendere dalla macchina...

... E io corro! ha detto...

@Anna ehhh mi sa che occorrerà munirsi sempre di imodium pre-gara e stampelle post-gara ;)

Carmine ha detto...

Ciao Guido mi chiamo Carmine da poco mi sono dedicato alla corsa su strada. Prima giocavo a calcio in una squadra di dilettanti. Anche io come te ho sofferto per circa 18 mesi di pubalgia. Mi hanno sottoposto chiaramente ad ogni tipo di fisioterapia fin quando sono andato (con il morale a zero) in una palestra in cui ho seguito un programma di ginnastica posturale, condito con tantissimo stretching. Così sono riuscito a venirne fuori chiaramente c'è voluta molta pazienza. Ovviamente io non sono un medico e non conosco nemmeno la tua situazione fisica, spero magari ti possa essere utile la mia esperienza. Ciao e buone corse

http://latanadimisterx.blogspot.com/

... E io corro! ha detto...

@ Carmine, lo so che è un problema di postura. Non so quale malanno non abbiano annoverato in questi cinque anni di podismo i miei arti inferiori.
Credo che il tuo suggerimento sia uno dei migliori..ma è la pazienza a mancarmi.
A malapena riesco a fare due minuti (due) di stretching nel dopo gara
Sono un paziente impaziente :)

(Linkato)

Daniele ha detto...

Ciao Guido,
mi ha fatto piacere conoscerti e scambiare due parole con Te in gara.
In passato ho avuto lo stesso tuo problema di pubalgia e come ha detto Carmine tantissimo streching e andatura lenta di corsa è in giro di poche settimane Ti rimetti in forma, lo so anche io sono pigro e qnd sto bene tendo a nn farlo per poi ritornare a combattere con l'incubo pubalgia, ma fidati 10 minuti al giorno si trovano basta volerlo.
Buona settimana e alla prossima gara.
Daniele

... E io corro! ha detto...

Grande Daniele..io il trenino poi l'ho ripreso ma tu avevi già intercettato il rapido in coincidenza ;)

fathersnake ha detto...

Dal tuo post si apprende che
"Andare solo per far presenza" non sempre equivale ad una prestazione mediocre. Sarà che si parte più rilassati?

... E io corro! ha detto...

@Father Diciamo subito che 1h34'52" (togli una ventina di secondi di real), non è un tempo di cui vantarsi. Certo che, visti i presupposti, ne son rimasto proprio contento. Non fosse altro perché é impossibile pensare di far un buon tempo con un qualsivoglia acciacco. Questa almeno è la regola.

Certo il fatto di partire senza velleità stile "prendiamo ciò che viene" è un aiuto mentale a correre tranquilli e rilassati e ieri per me è stata una situazione ottimale, perché se avessi preteso troppo dal mio fisico l'avrei sicuramente pagato caro (non che oggi stia benissimo...).

Il personale, od "il tempo" invece sono il risultato di forma, integrità fisica e concentrazione..bisogna partire motivati, sin dal primo metro (suppongo).

stoppre ha detto...

vedi,hai osato superarmi nell'ultimo km e ti sei preso la febbre, poi per forza che mi hai raggiunto, un cecchino mi ha sparato, non hai visto che sanguinavo ? :-))